“Se fossimo andati sotto nel punteggio non avremmo più recuperato, abbiamo sofferto ma siamo riusciti a chiuderci meglio”

Prima vittoria per mister Campilongo con il Lamezia Terme, esaudendo il desiderio di poter festeggiare lo stop natalizio con i 3 punti.

Più informazioni su

Prima vittoria per mister Campilongo con il Lamezia Terme, esaudendo il desiderio di poter festeggiare lo stop natalizio con i 3 punti.

Lamezia Sancataldese campilongo

«Siamo soddisfatti per quanto riguarda il risultato, anche perché non mancavano le difficoltà. A parte gli ultimi 5 minuti abbiamo cercato sempre di giocare palla a terra, abbiamo vinto con pazienza e dato un giusto regalo a società e pubblico», reputa il tecnico campano, «se fossimo andati sotto nel punteggio non avremmo più recuperato, abbiamo sofferto ma siamo riusciti a chiuderci meglio».

L’esperimento Bezzon falso nove non ha funzionato al meglio, ma Campilongo spiega che «con Maritato che non giocava da 25 giorni, Haberkon ancora a mezzo servizio, abbiamo dovuto fare di necessità virtù. Il tempo per lavorare non manca, dobbiamo di certo effettuare i giusti aggiustamenti per cercare di cambiare mentalità e ritrovare condizione fisica».

Due partite in poco tempo, una sconfitta ed una vittoria, per Campilongo «c’è ancora molto da lavorare, non basta vedere le prime risposte alle idee che proviamo in settimana. Abbiamo ora più tempo per lavorare con serenità e senza assilli, trovare anche quel guizzo per riuscire a saltare l’uomo e vincere gli uno contro uno».

Partita che ha visto un cambio di passo nella ripresa dopo l’ingesso di Umbaca, verso cui il tecnico si complimenta ma spiega che «il merito del gol va anche a Miliziano, non si è risparmiato per tutta la gara ed è arrivato lucido al momento della palla gol», non nascondendo che «ci serve un esterno sinistro che possa sostituire Tipaldi nei casi in cui come oggi non è al meglio, ma anche avere del tempo a fine allenamento per lavorare al meglio con i nostri giovani in campo. La stessa Sancataldese testimonia come i giovani possano essere protagonisti sul piano tecnico e tattico».

Campilongo dal mercato così si aspetta «qualche movimento, ma senza stravolgere troppo la rosa. Con la società abbiamo già discusso su cosa manca, nei prossimi giorni vedremo il da farsi».

A fine gara panettoni farciti donati dalla società gialloblu a padroni di casa ed ospiti per scambiarsi gli auguri, tempo qualche giorno e si tornerà in campo a smaltire tutto: il 9 gennaio il Lamezia Terme chiuderà il girone d’andata in casa del Rende, che 4 giorni prima ospiterà anche la prima delle due gare che dovrà recuperare la Gelbison (l’altra sarà a Vallo della Lucania contro il Trapani), attualmente appaiata ai gialloblu a 33 punti con una lunghezza da recuperare sulla capolista Acireale.

Più informazioni su