Quantcast

“Dovremmo adattarci al terreno di gioco avversario prevedendo una partita anche sporca”

Torna in campo il Lamezia Terme che domani a Rende disputerà l'ultima giornata del girone di andata nel girone I di serie D.

Più informazioni su

Torna in campo il Lamezia Terme che domani a Rende disputerà l’ultima giornata del girone di andata nel girone I di serie D.

Tra sosta natalizia e quella del Covid, mister Campilongo reputa che «abbiamo avuto modo di lavorare durante questa sosta, credo ci abbia fatto bene. Abbiamo avuto qualche defezione per via del Covid, ma siamo stati bravi comunque ad avere un piano di lavoro concreto per mettere benzina nelle gambe».

La squadra del ds Maglia è reduce da un impegno infrasettimanale casalingo culminato con la sconfitta contro la Gelbison, aspetto che per il tecnico gialloblu non sarà uno svantaggio per i padroni di casa: «bisogna adattarsi subito alle circostanze, loro hanno avuto un impegno già mercoledì quindi arrivano già rodati. Una squadra molto aggressiva e giovane, ha un sistema di gioco già testato e noi dovremmo adattarci al terreno di gioco avversario prevedendo una partita anche sporca».

Ieri la Lnd ha rimodulato i calendari per risistemare le giornate dopo i due turni saltati, con nel girone di ritorno 3 turni infasettimanali per arrivare alla fine della stagione regolare a maggio. Una lunga rincorsa alla vetta che vede più compagini in lizza, analisi che Campilongo riprende: «è un momento dove non c’è una squadra padrone del campionato, il mercato di dicembre ha permesso a qualche compagine di rinforzarsi. Siamo in una stagione equilibrata, fino a marzo avremo tante partite con più i recuperi, chi avrà una rosa omogenea potrà dire la sua. La Gelbison è tornata capolista, deve recuperare una partita, ha equilibri più rodati ma noi dobbiamo guardare in casa nostra, perché nessuno lascia niente in questo girone».

Roster gialloblu che ha visto nuovi innesti e qualche cambio, tornando a poter contare intorno a 30 unità. Mercato che, come Campilongo aveva già preannunciato alla stampa, ha riguardato tutti i reparti, e lo stesso tecnico rimarca come «avevamo una rosa di grande qualità, gli ultimi arrivati ci hanno permesso di elevare il tasso tecnico sul piano offensivo per migliorare sia la realizzazione che nel saltare l’uomo».

Dalla lista dei convocati, oltre agli squalificati Bezzon e Rusescu, fuori anche Amendola, Trentacoste, Sandomenico, Da Dalt, Maritato, Herrera tra scelte tecniche e condizioni non ottimali.

Più informazioni su