Quantcast

L’Ecosistem Lameziasoccer si aggiudica la semifinale di Coppa Italia battendo il Futsal Canicattì

Dovrà affrontare in trasferta il Palermo nel mese di marzo per decidere chi andrà a giocarsi la Final-Eight nazionale per l’aggiudicazione del tricolore.  

Più informazioni su

ECOSISTEM LAMEZIASOCCER -FUTSAL CANICATTI’   6-2
Reti: 1T 19’06” Cascino 09’08” Deodato 12’14” De Masi  2T 03’06”  D’Amato 06’18” Colore 10’002 Mantuano 12’09” Deodato 13’31” Deodato

Ecosistem Lameziasoccer: Pardal, D’Amato, Barbosa, Mantuano, Deodato, Zerbo, De Masi, Gagliardi, Montesanti, Granato, Lio.  Allenatore: Bebo Carrozza

Futsal Canicattì: Roccaro, Furno, Colore, Cascino, Sirone, Caltabiano, Virruso, Urso, Caltagirone, Cottone, Castiglione, Cosentino. Allenatore: Giuseppe Castiglione

Arbitri: Vincenzo Buzzacchino di Taranto e Sergio Federico La Forgia di Molfetta. Cronometro: Giuseppe Cundò di Soverato.

L’Ecosistem Lameziasoccer si aggiudica la semifinale di Coppa Italia del proprio girone battendo al Palasparti il Futsal Canicattì.
Buona prestazione della formazione di Bebbo Carrozza che tiene botta nelle fasi iniziali dal match alla formazione più in forma del 2022, per poi dilagare nella ripresa con un punteggio tennistico, forse, fin troppo punitivo per gli ospiti che hanno comunque avuto le loro buone occasioni ma Pardal è stato molto attento.

Pronti via ed ospiti già in vantaggio con Cascino che indovina un diagonale dalla destra che Pardal tocca ma non devia quanto basta. Doccia fredda e nervi saldi per gli orange che non si fanno prendere dal panico e cominciano a macinare gioco arrivando alla conclusione diverse volte.  Roccaro è attento e sventa le minacce.  Verso metà del tempo si deve però inchinare alla conclusione di Capitan Deodato che pareggia i conti. Qualche minuto dopo è De Masi a portare avanti gli orange con un’azione personale sulla sinistra; salta in velocità cottone ed infila il portiere in uscita con un diagonale. Non mancano altre occasioni da una parte e dall’altra, del resto si affrontano le prime due della classe ma comunque la prima frazione si chiude sul 2-1.

Nella ripresa l’Ecosistem allunga quasi subito. Bastano 3 minuti e D’amato mette il pallone in rete con un’azione fulminea. Lancio di Pardal che sembra decisamente lungo, Roccaro esce quasi a controllare che il pallone esca sul fondo ma D’Amato quasi sulla linea di fondo tocca il pallone quanto basta per beffare l’estremo ospite ed infilare la porta. Il Canicattì per passare il turno deve assolutamente vincere e si butta in avanti. Al 14’ Furno batte una punizione che viene ribattuta dalla difesa, riprende lo stesso Furno che dà a Colore bravo a trovare l’angolino giusto per accorciare.

A metà esatta del tempo Mantuano spegne i sogni di rimonta degli ospiti.  Il gioiellino orange, pressato da un avversario riesce ad anticipare Roccaro in uscita e portare a quattro le marcature.  Partita praticamente chiusa con i due allenatori che a questo punto mandano in campo un po’ tutta la rosa e Capitan Deodato che segna altre due reti per la personale tripletta che fissa il punteggio sul 6-2.

Ora L’Ecosistem dovrà affrontare in trasferta il Palermo nel mese di marzo per decidere chi andrà a giocarsi la Final-Eight nazionale per l’aggiudicazione del tricolore.

Più informazioni su