Quantcast

Supera brillantemente il primo step dei play-off l’Ecosistem Lameziasoccer che non lascia scampo alla Pgs Luce Messina.

Qualificazione al turno nazionale che vedrà opporsi Ecosistem e Città di Palermo che ha sconfitto largamente il Casali del Manco

Più informazioni su

ECOSISTEM LAMEZIASOCCER – PGS LUCE MESSINA  8-1

Reti: 1T 00’38”  03’25” D’amato 04’01 10’58” Patamia 13’47” Barbosa 2T 03’10” D’Amato 06’07” Deodato 09’29” Cucinotta 14’20” Patamia

Ecosistem Lameziasoccer: Pardal, Regner, D’Amato, Barbosa, Patamia, Zerbo, Mantuano, De Masi, Deodato, Caffarelli, Lio, Gagliardi. Allenatore: Bebo Carrozza

PGS Luce Messina: Colucci, Coppolino, Consolo, Pannuccio, Costanzo, Irrera, Fallico, Monteleone, Barbagallo, Cucinotta, Costa, Bucca.   Allenatore:  Sergio Carnazza

Arbitri: Michele Romeo di Roma 2 e Alessandro Mella di Roma 1. Cronometro: Andrea De Luca di Paola.

Supera brillantemente il primo step dei play-off l’Ecosistem Lameziasoccer che non lascia scampo alla Pgs Luce Messina. La formazione orange è scesa in campo molto concentrata e decisa a chiudere la pratica al Palasparti in men che non si dica e nel giro di pochi minuti era già praticamente in archivio.

Scesa in campo con Pardal tra i pali e D’Amato, Barbosa, Regner e Patamia di movimento l’Ecosistem ha trovato subito la via del gol ed in quattro minuti si è portata sul 3-0 con doppietta di D’Amato e gol di Patamia.

Dall’altra parte la Pgs Luce, scesa sul parquet con Colucci tra i pali e Consolo, Pannuccio, Costanzo e Coppolino di movimento, è sembrata subito in difficoltà ed in balia delle giocate lametine. Pochissime le azioni degne di nota degli ospiti quasi sempre chiusi ed anticipati dalla difesa lametina.

Risultato che poteva essere ben più cospicuo per gli orange che comunque chiudevano il primo tempo sul 5-0 andando in gol ancora con Patamia e Barbosa. La ripresa non era molto differente se non per le rotazioni in più mandate in campo: Ecosistem che gestiva ed arrotondava con D’Amato, Deodato ed ancora Patamia mentre dall’altra parte era Cucinotta a spingere il pallone in rete per il gol della bandiera. In mezzo tante occasioni per incrementare con un clamoroso doppio palo colpito da Deodato e legno di Costa dall’altra parte.

Onore agli sconfitti che, nonostante il punteggio largamente sfavorevole, hanno giocato fino all’ultimo secondo consentendo agli orange di testarsi anche sulla distanza e mantenere senza alta l’attenzione.

Primo turno saltato a piè pari, davanti al Sindaco della Città, Paolo Mascaro, ed ora si ripeterà quanto successo in Coppa Italia con qualificazione al turno nazionale che vedrà opporsi Ecosistem e Città di Palermo che ha sconfitto largamente il Casali del Manco.

Più informazioni su