Quantcast

Icierre Lamezia cede il passo al Città di Milano per 7-3

Suadra meneghina ben organizzata che ha saputo reagire ai tentativi lametini di recupero

Più informazioni su

    CITTA’ DI MILANO-ICIERRE LAMEZIA 7-3 (2-1; 4-2; 1-0)
    Città di Milano: Strano, Gabriel, Campolongo, Polastri, Ilardo, Savarese, Tinaglia, Pagani, Comello, Piu, Catena, Domi. All: Cataldo
    Icierre Lamezia: Piazza, Morabito, Martinez, Morelli, Grande, Scalese, Mercuri An. I, Curcio, Gatto, Grandinetti, De Fazio, Mercuri An. II. All: Pellegrino
    Arbitri: Cardone di Agropoli e Marton di Mestre
    Reti: 8’pt Domi (M), 10’pt Curcio (L), 11’pt Ilardo (M); 2’st Pagani (M), 2’st rig. Scalese (L), 2’st Domi (M), 7’st Domi (M), 12’st Savarese (M), 12’st Mercuri An. (L); 7’tt Ilardo (M)
    Ammoniti: Morabito (L)

    Dopo la vittoria all’esordio, seconda giornata parca di gioie per l’Icierre Lamezia che cede il passo al Città di Milano, squadra ben organizzata che ha saputo reagire ai tentativi lametini.

    Nel primo tempo in rete Domi ed Ilardo intermezzati dalla rete di Curcio, nella ripresa dopo la rete di Pagani ed il rigore di Scalese l’allungo firmato ancora da una doppietta di Domi e Savarese, con il portiere Antonio Mercuri in rete con un rilancio per il 6-3, e nell’ultimo periodo nuovamente Ilardo chiudeva i giochi sul 7-3.

    I neroverdi hanno disputato una buona prova, mettendo in difficoltà Milano, soprattutto nel primo tempo, giocato sicuramente meglio degli avversari fino al 10′, minuto del gol di Domì, avvenuto per una disattenzione di Piazza che ha trattenuto il pallone un secondo in più, regalando così il tiro libero a Milano. Immediato il riscatto del numero uno lametino che propizia il gol del pareggio calciando direttamente in porta, sulla corta respinta è lesto Curcio a ribadire in rete.
    Un minuto più tardi è Piu a saltare De Fazio che lo mette giù, calcio di punizione, respinge ottimamente Piazza ma sui piedi di Ilardo che non può far altro che segnare.

    Ad inizio secondo tempo Milano fa tris, lancio lungo di Mercuri per Scalese che controlla e salta Piu che lo butta a terra, l’arbitro anzichè decretare il rigore fa proseguire, passaggio per Savarese che riesce a servire Pagani che in mischia segna. Vibranti le proteste del laterale lametino che forse avrebbe meritato il rigore.

    Penalty che arriva subito dopo quando ancora Scalese con un dribbling manda al bar due avversari e si appresta a calciare ma viene atterrato da Polastri. Dal dischetto Comello intuisce ma non riesce ad intervenire.

    Alla ripresa del gioco è Domi a ristabilire le distanze grazie ad un tiro che tocca la traversa ed entra in rete, nulla può Mercuri. Lo spagnolo cinque minuti dopo trova il jolly ancora con un gran tiro dalla distanza, irraggiungibile per il portiere lametino.

    Sul finire del tempo Milano trova il sesto gol grazie a Savarese che ruba un pallone a Curcio e si invola verso la porta. La difesa lametina prova a contrastarlo ma è caparbio nel tener palla e battere Mercuri. Il portiere lametino riesce a trovare la rete con uno splendido tiro da porta a porta che batte il collega Comello.

    Nel terzo e ultimo tempo l’Icierre prova ad accorciare le distanze ma gli uomini di Pellegrino sono imprecisi. Al 7′ De Fazio prova a servire un compagno ma il lancio è corto, Ilardo di prima intenzione tira dove Piazza non può arrivare.

    Un pò di rammarico a fine match per alcuni episodi che hanno indirizzato la gara su un binario non felice per l’Icierre, che può riscattarsi già domani con la Vastese.

    Più informazioni su