Quantcast

Ufficiale l’acquisto della Reggina da parte di Felice Saladini, le prime parole del nuovo patron amaranto

Poche dichiarazioni rimandando ad un'altra conferenza stampa per ulteriori dettagli, copione già seguito la scorsa stagione con il Lamezia Terme a luglio

Più informazioni su

    Arriva direttamente dal centro sportivo Sant’Agata l’ufficialità del nuovo ruolo ricoperto da Felice Saladini, che se nelle ultime 24 ore ha confermato la propria intenzione di andare avanti alla guida del Lamezia Terme in serie D (vedi l’arrivo di un nuovo direttore generale), e da oggi aggiunge anche l’acquisizione della Reggina in serie B.

    «Abbiamo concluso poco fa il passaggio delle quote con cui acquisisco le quote del club, stiamo già lavorando affinché poter iscriverci al campionato», ha spiegato l’imprenditore lametino, «non è stata un’operazione semplice, però non potevo tirarmi indietro di fronte alla possibilità che un altro patrimonio sportivo così importante si potesse disperdere. La Reggina è un patrimonio della Calabria. Ho un’idea di calcio che coinvolga persone oneste, con uno spirito sportivo leale. Reggio merita di calcare grandi palcoscenici. È una società che deve lavorare per avere un consiglio d’amministrazione importante, che sia garanzia di legalità, competenza, passione sportiva. È da qui che voglio far ripartire la Reggina».

    Poche dichiarazioni ottimistiche che rimandando ad un’altra conferenza stampa per ulteriori dettagli, copione già seguito la scorsa stagione con il Lamezia Terme a luglio, anche se prima di una serie di dichiarazioni poi smentita dai fatti per l’evolversi della situazione calcistica locale.

    L’attuale norma che vieta la multiproprietà nei professionisti apre la questione su quali possano essere le intenzioni della società gialloblu in questa stagione, ma non vieta di rinforzare il canale di collaborazione già avviato la scorsa stagione tra le due società in ambito sportivo (ora intrecciato anche in quello societario, nonostante le dichiarazioni dello stesso Saladini che a febbraio negava ogni interesse per la squadra amaranto, con la presenza di qualche dirigente gialloblu anche oggi a Reggio Calabria ad accompagnare il presidente).

    Più informazioni su