Martedi, 20 novembre 2018 ore 17:12  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Nuova protesta di piazza annunciata per il 17 novembre da Piazza della Repubblica contro l'attuale situazione amministrativa

Dopo i flop di tutte le precedenti manifestazioni, ennesimo comitato annunciato

Nuova-protesta-di-piazza-annunciata-per-il-17-novembre-da-Piazza-della-Repubblica-contro-l-attuale-situazione-amministrativa
Martedì 06 Novembre 2018 - 13:40

Dopo i flop di tutte le precedenti manifestazioni, annunci dei parlamentari che ad oggi trovano solo in minima parte conferma (e le soluzioni tampone spesso son arrivate solo dopo sollecito della Prefettura di Catanzaro), nuovamente si ripercorre la strada della protesta contro la terna commissariale, con un'altra forma di comitato, denominata “Basta Degrado”, che racchiude sulla carta istituzioni scolastiche, associazioni come Italia Nostra, Nuova Lamezia, MTL, Comitato Ginepri comprensorio della Costa, comitato provinciale ASI Catanzaro, Comitato Fiera Lamezia, Associazione Santi quaranta Martiri, Comitato San Giovanni Capizzaglie, ed altri movimenti.
Si ci professa però apartitici, lamentando «assenza di servizi, burocrazia asfissiante, strutture sportive e culturali chiuse, emergenza fiumi, degrado ambientale terrificante», sostenendo che «non possiamo più accettare valanghe di rifiuti e tombini che saltano dopo solo qualche minuto di pioggia; non abbiamo più intenzione di dialogare con un apparato burocratico comunale completamente sordo e distante dalle vere esigenze della città». 
Si annuncia così una manifestazione popolare per sabato 17 novembre con partenza alle 9 da piazza della Repubblica, ma i numeri risicati e gli esiti poco incoraggianti avuti fino ad ora non fanno volgere all'ottimismo. Per altro sabato nessuno dei tre componenti della terna commissariale solitamente si trova in ufficio o a Lamezia Terme per poter verificare il malcontento di chi protesterà. Quel che manca, da inizio anno, son gli atti amministrativi che risolvano i problemi, ed in casi come quello dei rifiuti la vicenda riguarda anche enti privati e la Regione.
g.g.




ULTIMISSIME