Quantcast

Raccolta differenziata più capillare sul territorio per arrivare a dicembre alla media del 65,79% auspicio del Pte 2022

Il 15 marzo la giunta aveva confermato le tariffe Tari ai livelli del 2021, ma nel Pte i costi sono più alti rispetto all'anno precedente

Più informazioni su

Senza che sia stato pubblicato in allegato il piano dettagliato, approvato in giunta il piano tecnico economico 2022 per quanto riguarda la gestione dei rifiuti da parte della Lamezia Multiservizi per conto del Comune di Lamezia Terme.

«Il PTE 2022 prevede l’ultimazione delle attività di miglioramento della raccolta differenziata porta a porta con l’inserimento di interventi per il recupero delle frazioni differenziate del rifiuto anche in alcune zone periferiche fino al momento escluse da questa modalità di raccolta», specifica la delibera, ponendo come obiettivo «di portare la raccolta differenziata dei rifiuti al 65%, fino ad oggi rallentata dai numerosi fermi causati dall’emergenza pandemica e assestatasi nel 2021 al 60%».

I costi previsti si differenziano in base alle modalita’ di raccolta previste per le differenti tipologie di rifiuto:

  • raccolta differenziata dei rifiuti (carta, cartone, vetro plastica, organico, verde, ingombranti e beni durevoli, batterie, abiti usati) 262,52 euro/ton;
  • raccolta indifferenziata stradale dei rifiuti (rifiuti solidi urbani e rifiuti stradali) 91,32 euro/ton;
  • raccolta indifferenziata porta a porta dei rifiuti 185,21 euro/ton;
  • servizio di spazzamento e servizi complementari retribuito a corpo 1.207.401,28 euro/anno;
  • gestione del centro di raccolta 182.676,74 euro /anno.

Un totale stimato di 12.605.604,04 euro (che dovrà essere coperto tramite il gettito della Tari 2022) diviso tra il costo per il gestore del servizio di igiene urbana Societa’ Lamezia Multiservizi stimato in 9.105.604,04 euro,e la previsione di smaltimento da corrispondere all’Ato Catanzaro di 3.500.000 euro.

Dall’importo lordo si dovranno poi detrarre 111.461,49 euro per il recupero delle somme rateizzate dei finanziamenti Por avuti con il progetto di implementazione della raccolta differenziata approvato, e 600.000 euro tra le royalty spettanti al Comune di Lamezia Terme quale agio sui rifiuti conferiti nell’anno corrente presso l’impianto di trattamento sito nell’area industriale di San Pietro Lametino, gestito da Logica Scarl, e per la discarica di località Stretto.

Se la delibera prevede «l’estensione del metodo di raccolta porta a porta su tutta il centro abitato della città da mettere a regime nell’anno corrente» e «per il mese di dicembre il perseguimento del 65,79% di raccolta differenziata», da verificare se si andrà a rivedere la delibera sulle tariffe della Tari approvate il 15 marzo sugli stessi livelli del 2021, quando si sarebbero dovuti riscuotere 11.753.204,37 euro mentre per il 2022 il gettito richiesto è di 11.894.142,55 euro.

Più informazioni su